Fattura elettronica

La legge di bilancio 2018 ha esteso la fatturazione elettronica, originariamente prevista solo verso le amministrazioni pubbliche, anche ai privati.

Tale obbligo partirà dal 1° luglio 2018 per quanto riguarda le fatture di carburanti e le fatture dei sub-appaltatori di amministrazione pubbliche mentre è previsto a regime per il 1° gennaio 2019 verso qualsiasi soggetto (fatture verso altri soggetti passivi iva e verso privati persone fisiche).

L’Agenzia delle entrate ha reso disponibile gratuitamente un sito web (al quale seguirà una applicazione ed un software per pc) tramite il quale è possibile emettere, ricevere e conservare le fatture. Tale sito è accessibile tramite credenziali fisco on line, credenziali SPID o CNS (carta nazionale dei servizi).

In alternativa a tale possibilità gli utenti possono utilizzare software di terze parti che rispettano gli standard previsti dall’agenzia e che consentano la ricezione, l’invio e la conservazione delle fatture digitali.

Vista l’imminenza della prima scadenza (1° luglio per le fatture elettroniche dei benzinai) consigliamo ai clienti alternativamente di:

  • Registrarsi e aderire al servizio offerto dall’agenzia delle entrate;
  • Acquistare software di terze parti;
  • Stipulare la convenzione proposta dallo Studio Piantella per l’utilizzo del sito web www.fatturego.it per la gestione del ciclo attivo e comunicare ai propri fornitori il codice destinatario fornito dallo Studio Piantella per conservare correttamente il ciclo passivo.

 

Ricordiamo brevemente che le carte carburanti in formato cartaceo non saranno più valide dal 1° luglio 2018. È infatti necessario, ai fini della detraibilità dell’iva, documentare l’acquisto di carburante per autotrazione tramite fattura elettronica.

Si ricorda inoltre che per poter dedurre il costo del carburante per autotrazione sarà necesssario il pagamento tramite mezzi tracciati quali bonifici bancari, carte di credito o debito, assegni bancari e postali, vaglia, etc.

Rimaniamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *